Cinture e Regole

 
       
 

            Regole alla base del judo

 
    Questo sito utilizza i cookies.Se prosegui la navigazione accetti il loro uso. Per Informazioni clicca  
 


                   Per Cominciare...

Saluto

Cinture

Arbitraggio

Un pò di storia :   

 

 

 

 

  

   

“Nei dojo d’arti marziali esistono numerosi gesti che conducono alla concentrazione, il modo di sistemare i propri indumenti, le proprie calzature, il modo di salutare entrando: tutti questi gesti sono kata! La maniera di comportarsi è kata. Il comportamento influenza la coscienza: a comportamento giusto, coscienza giusta” (Deshimaru Taisen)    

             Risultati immagini per schema dojo judo

 

                                        ZAREI                                          RITSU REI

Risultati immagini per judo caratteristiche rei no kokoro               Risultati immagini per judo caratteristiche rei no kokoro

 

 

 
 

Il saluto Rei      

Il saluto è una forma di cortesia e rispetto, il più delle volte viene sottovalutato, il saluto nel judo è molto importante: attraverso il gesto formale, infatti, ci si prepara mentalmente alla pratica ed è quindi necessario eseguirlo in modo giusto. A seguire,  va insegnato il nodo della cintura e l’esecuzione del saluto ogni volta che cambia un compagno all’inizio e alla fine degli esercizi.

 
   
 

 Come si lega la cintura

 
 

3 diversi modi per allaciare la cintura clicca!      

   
       
     
   

Le cinture

 
   
    Le cinture in origine erano di colore bianca, marrone e nera, la nera comprende diversi gradi di pratica ed esperienza ( dal 1° al 5° dan) oltre la nera è prevista la cintura bianco-rossa (dal 6° all'8° dan) ancora oltre la cintura rossa ( 9° e 10° dan); in Europa per fini pedagogici ed educativi furono introdotte le cinture colorate, di recente anche bicolore da utilzzarsi nelle classi minori.

 Ad ogni cintura corrisponde un programma tecnico di conoscenza teorica e pratica e un determinato comportamento all'interno del tatami. Ovviamente l'atleta col grado più alto deve essere un esempio, un modello per gli atleti con grado minori, almeno questo è il concetto che sta alla base delle diverse cinture nel judo. (fonte: www.italiajudo.com)

 

 
       

                                   Arbitraggio  

   
 

 

 

 

 

 

 

L'arbitro si serve di gesti e parole per condurre il combattimento. I due judoka sono di fronte. Uno con la cintura rossa  ( secondo chiamato) e l'altro con la cintura bianca (primo chiamato). L'arbitro li invita a farsi  il saluto (Rei) e poi annuncerà a voce alta "Hajime" (Cominciate); quando vuole interrompere l'azione griderà "Matte" (aspettate); e per chiudere l'incontro dirà "Soremade" (finito). Etc.etc.  (fonte:www.judonline.it )